Jason Biggs non apparirà in Orange Is The New Black stagione 3

L'arancione è il nuovo nero

Che si tratti dell'imminente terza stagione della serie drammatica carceraria di Netflix L'arancione è il nuovo nero sarà il più grande spettacolo fino ad oggi deve ancora essere visto, ma sappiamo già che non sarà il più grande (scusate). È stato confermato che il personaggio di Jason Biggs Larry Bloom, una volta una parte importante della vita prima della prigione del protagonista Piper Chapman (Taylor Schilling), non apparirà nella prossima stagione della serie.



La maggior parte dei fan probabilmente sospettava già che l'uscita di Biggs stesse arrivando. Alla fine della seconda stagione, l'ex fidanzata di Piper ha trovato un nuovo amore con l'amica di Piper Polly (Maria Dizzia) ed è andata a vivere una vita separata dalla sua ex fiamma incarcerata, allontanandoli ancora di più da Litchfield e dalla narrazione principale. Sfortunatamente, la notizia che Biggs è fuori dai giochi significa che probabilmente lo è anche Dizzia, sebbene nessuno dei due personaggi sia mai stato davvero essenziale per il tono di OITNB .



Secondo Biggs, lo spettacolo non si concentra su Larry al momento, anche se la porta è stata lasciata aperta ed è sempre una possibilità che possa tornare da qualche parte lungo la linea. Considerando che la showrunner Jenji Kohan ha affermato il suo impegno a rendere la serie meno su Piper e più su una vasta gamma di personaggi nella prigione, però, qualcosa mi dice che un ritorno per Larry è altamente improbabile.

In altro L'arancione è il nuovo nero notizia, modifiche immediatamente problematiche alla politica di Emmy afferma che una commedia deve durare 30 minuti o meno per essere ammessa in quella categoria, quindi la serie sarà costretta a contendersi per il miglior dramma insieme a spettacoli più seri come Uomini pazzi e Castello di carte . Da qualche parte, puoi sentire i deboli suoni di Jane the Virgin fan che piangono.



Fonte: Collider